Hard disk esterni di ultima generazione: migliori prodotti di Novembre 2021, prezzi, recensioni

Scelta hard disk di ultima generazione

Le memorie Flash e i dischi esterni sono diventati una parte indispensabile della nostra vita quotidiana e le loro capacità continuano ad aumentare. Che si tratti di archiviare tutti i tipi di file o di fare copie di backup , è inconcepibile non avere almeno uno di questi dispositivi. Mentre le pennette iniziano già ad avere con una dimensione minima di 4 Gbyte fino a 64 Gbyte, è possibile trovare dischi rigidi da 500 Gbyte di capacità a 2 Tbyte (considerando prezzi più alti anche di più).

Ma il vero vantaggio degli ultimi modelli sono le interfacce ad alta velocità , che superano gli inconvenienti delle generazioni precedenti. Con USB 2.0 esisteva una sorta di collo di bottiglia che ha impedito, nel migliore degli scenari, di superare i 30 Mbyte / s, con l’arrivo dell’USB 3.0 potremmo essere intorno ai 100 Mbyte / s. Questo apre nuovi orizzonti di possibilità (come l’installazione di un sistema operativo separato su di essi da utilizzare insieme al software di virtualizzazione, ad esempio).

Retro compatibilità hard disk di ultima generazione

Le porte USB 3.0 sono chiaramente più veloci, la retro compatibilità con i precedenti standard USB gli da anche una marcia in più. Sarà infatti possibile collegare questi nuovi dischi a una porta di un vecchio computer che è un vantaggio mica da poco. Questo è uno dei motivi dell’estinzione virtuale di eSATA pochi anni dopo che è stata implementata nei nuovi computer, con l’intenzione di sostituire la limitata USB 2.0. Le  effettive velocità delle USB 3.0 teoriche massime di 400 Mbyte / s rispetto ai 300 Mbyte di eSATA sono state l’affondo definitivo.

Per quanto riguarda il prezzo , la differenza tra il vecchio e il nuovo standard è esigua, e di conseguenza i principali produttori offrono già solo dischi con connessione USB 3.0 , essendo USB 2.0 desuete.

Nel caso in cui il nostro computer non sia di ultima generazione e non abbiamo una porta ad alta velocità, non c’è nemmeno bisogno di preoccuparsi. Se abbiamo un PC desktop , possiamo optare per un controller PCI Express USB 3.0. Costerà poco più di 15 euro e godremo di una maggiore larghezza di banda senza difficoltà.

Tipi di dischi rigidi

La varietà di unità esterne sul mercato è enorme. In generale, la prima cosa che dobbiamo decidere è se preferiamo un portatile (2,5 “) o un desktop (3,5″).
I primi, pur essendo più fragili, hanno il grande vantaggio di non richiedere un alimentatore esterno e si alimentano direttamente tramite la porta USB (alcuni modelli potrebbero richiedere un cavo a forma di “Y”). D’altra parte per i modelli desktop c’è bisogno collegarli alla rete elettrica, ma in compenso sono più affidabili e, soprattutto, più economici, perché offrono un numero maggiore di gigabyte ad un prezzo significativamente più basso.

Recentemente, è emerso un altro tipo di scelta: dischi rigidi fisici rispetto a unità a stato solido (SSD), veloci ed efficienti . Il tempo di accesso è praticamente istantaneo e il loro grande vantaggio sono le prestazioni che forniscono se installiamo su di essi il sistema operativo. Per questo motivo, a causa dei loro prezzi ancora piuttosto alti, hanno più senso come unità interne (spesso integrate da un altro disco tradizionale su cui archiviare il resto dei file), ma ci sono già produttori che le vendono in formato esterno. Oltre ad essere più leggero e più piccolo(1.8 “), la loro durata è molto maggiore, poiché non c’è quasi alcun rischio che i nostri file vengano danneggiati o corrotti se subiscono un colpo durante il funzionamento, poiché non hanno parti meccaniche all’interno (tranne la memoria Flash NAND ).

Infine, c’è un’altra alternativa disponibile su dischi portatili e desktop: la possibilità di riprodurre contenuti multimediali e collegarli direttamente al televisore. È, senza dubbio, un’opzione molto comoda per guardare e registrare film, e ci sono persino modelli con connettività WiFi per spostare i file tra di loro e non è necessario collegarli fisicamente al computer o alla TV.

Costi effettivi degli hard disk

Oltre ai formati di disco esistenti, vale la pena prestare particolare attenzione a un fattore aggiuntivo: il rapporto euro / gigabyte . Tipicamente ogni modello è disponibile con diverse capacità di archiviazione, in modo che oltre a scegliere quello più adatto alle nostre specifiche esigenze, potremmo essere interessati ad ottenere uno di dimensioni maggiori e ammortizzarlo nel breve termine.

Attualmente, 1 Tbyte è quello che offre il miglior rapporto prezzo / archiviazione , con 2 Tbyte ancora piuttosto costosi in confronto e via via salendo. Allo stesso modo, una vecchia legge finisce sempre per essere soddisfatta: con il passare dei mesi, il prezzo del disco più piccolo non scende, ma i produttori iniziano a offrire una capacità maggiore a un costo simile come punto di partenza.

Dock intercambiabili degli hard disk di ultima generazione

Chi ha già acquistato un disco eSATA o FireWire esterno potrebbe essere frustrato dalla sua scarsa penetrazione nel mercato e ora, dovendo scegliere tra USB 3.0 e Thunderbolt , teme di ripetere l’errore. Fortunatamente, il passaggio successivo nelle unità esterne amplia la nostra scelta e soprattutto, non si deve scartare alcuna alternativa.

Per fare un esempio su tutti la Verbatim è una delle prime aziende che ha immesso sul mercato la possibilità di sostituire la parte anteriore di un disco rigido. Questo permette di avere una connessione USB 3.0, Thunderbolt, FireWire o eSATA a nostro piacimento. Il prezzo per un HDD da 500 giga byte è di poco superiore ai 100 euro.

Appassionato di scrittura, letteratura ed informatica, attualmente lavora come articolista SEO per vari portali, scrivendo dei più disparati argomenti.

Back to top
menu
harddiskesternieinterni.it