Consigli per acquistare gli hard disk esterni al miglior prezzo: modelli e costi

Non c’è niente come un buon vecchio disco rigido interno per salvare i tuoi ricordi e dati riservati, anche nell’era del “cloud storage”. Ecco come sceglierlo al miglior prezzo.

Dopo una settimana di vacanza al sole, torni a casa con schede di memoria piene di ricordi. Ovviamente scarichi le tue foto sul tuo computer. Probabilmente hai preso l’abitudine di fare una copia esterna, come fa il 70% delle persone, secondo uno studio di universitario del 2012.

Le soluzioni di backup remoto possono essere convenienti, ma non sono prive di difetti. Quando archivi i tuoi dati online, puoi accedervi solo a una velocità limitata, quella della tua connessione Internet. I tempi di accesso su un disco rigido sono molto più rapidi. Va inoltre ricordato che un account protetto da nome utente e password può essere potenzialmente violato. Un malintenzionato potrebbe quindi avere accesso a tutti i tuoi file archiviati online.

La soluzione pratica? Investi in un disco rigido esterno. Di seguito sono riportati alcuni modi per fare la scelta migliore.

Quale taglia preferire di hard disk esterno

Sul mercato coesistono due dimensioni di dischi rigidi meccanici: 2,5 “e 3,5”. Essendo i primi più compatti, sono quindi adatti al trasporto. Alimentati dalla porta USB di un computer, non richiedono un alimentatore come le unità da 3,5 pollici. I modelli da 2,5 pollici da 1 TB, al prezzo di circa 90 euro, e i modelli da 2 TB, a circa  130 euro, rappresentano un rapporto capacità / prezzo migliore rispetto ai successivi modelli da 500 GB, a circa 75 euro.

I dischi rigidi da 3,5 pollici occupano più spazio. Ma allo stesso prezzo, avrai più capacità di archiviazione rispetto ai formati da 2,5 ”: le unità da 2-4 TB in genere vengono vendute per  100-180 euro. Questa è la soluzione migliore se si dispone di un’ampia raccolta di filmati e foto di cui eseguire il backup e raramente si viaggia con il disco rigido.

I dischi da 2,5 “tipicamente girano a 5400 RPM; e quelli di 3,5 pollici, a 7.200 giri / min. Vedrai davvero la differenza solo se trasferisci file molto grandi, come i film ad alta definizione.

Hard disk meccanico o allo stato solido

I dischi rigidi elettronici o unità a stato solido (SSD),  archiviano i dati nella memoria flash. Questi dispositivi senza parti in movimento sono meno fragili rispetto ai modelli meccanici tradizionali. Non ad alta intensità energetica, perfettamente silenziosi e molto veloci, gli SSD sono anche più costosi. Spenderete circa  170 euro per un modello da 120 GB da 2,5 “e  300 euro per un modello da 256 GB; ciò corrisponde rispettivamente. In confronto, i dischi meccanici della stessa dimensione costano molto meno. Nel 2020 però è previsto un calo in questo costi di circa il 10/15 per cento.

Non sei convinto di voler pagare così tanto? La tecnologia SSD è particolarmente adatta “per un disco di avvio su cui installare il sistema operativo e il software”, a detta dei migliori tecnici informatici. Per un semplice backup dei dati, probabilmente è meglio optare per un disco rigido meccanico, in attesa che i prezzi scendano.

Tutti compatibili

Alcuni dischi rigidi sono preformattati per Mac, altri per PC (Windows). Non c’è differenza sostanziale tra i due. Scegliendo un disco rigido adatto al tuo sistema operativo, non dovrai riformattarlo. Se ciò è ancora necessario, eseguire prima una copia del software fornito dal produttore (il più delle volte destinato al backup e alla crittografia dei dati), in modo da poterlo reinstallare se necessario.

Una soluzione “intelligente”

Questa potrebbe essere l’acquisto di un disco rigido di rete, chiamato anche NAS (network-Attached Storage), può essere interessante. Collegata al router con un cavo Ethernet, questa unità di memorizzazione rimane sempre collegata alla rete ed esegue backup automatici a una velocità preimpostata dall’utente. La maggior parte di questi modelli meccanici sono 3,5 “.

L’unità di rete domestica brilla anche per le sue capacità multimediali. I film, le foto e gli album musicali che vi si trovano sono accessibili in modalità wireless da qualsiasi dispositivo connesso alla rete: computer, tablet, smartphone, e-reader, console per videogiochi o televisione (certificato DLNA). Alcuni modelli includono anche una porta USB che consente di collegare un altro disco rigido, per ancora più spazio di archiviazione o una stampante da condividere in rete. Il prezzo per GB è appena superiore a quello delle piccole unità meccaniche. Conta circa  160 euro per 2 TB,  200 euro per 3 TB e  250 euro per 4 TB.

Le connettività degli hard disk esterni

Diverse connessioni consentono di collegare un’unità esterna a un computer.

  • USB 3.0: Questa porta, dieci volte più veloce del suo predecessore, può trasferire fino a 625 megabyte al secondo (MB / s). Si collega facilmente alle porte USB 2.0, ma la velocità di trasferimento scende a 60 MB / s.
  • FireWire: Diffusa da Apple e particolarmente utilizzata nel mondo dei video, l’ultima versione di FireWire (800) consente velocità di trasferimento fino a 100 MB / s.
  • Thunderbolt: Costosa e rara (principalmente su computer Apple e alcuni PC), funziona a una velocità di circa 1200 MB / s. L’investimento può essere utile per i video maker che hanno bisogno di trasferire file di grandi dimensioni rapidamente.

Resistenza degli hard disk esterni

I dischi rigidi esterni a volte possono essere più fragili di quanto sembri. Per evitare danni materiali, che sono sempre costosi da riparare e talvolta irreversibili, è bene infatti sottolineare due regole fondamentali:

  1. Non scollegare mai e poi ricollegare immediatamente un disco rigido. Attendere sempre che le testine di lettura smettano di muoversi.
  2. Appoggiare l’unità in piano e instradare il cavo dietro il computer anziché davanti. Ciò ridurrà il rischio che si impigli o cada.

Inoltre, controlla la durata della garanzia offerta dal produttore. Varia da 1/3 anni (5 anni in rari casi), a seconda del modello. Ovviamente, non si tratta di fare affidamento su di esso in caso di caduta accidentale del disco rigido. In caso di guasto, invece, potrai sempre far valere questa garanzia per ottenere la riparazione o la sostituzione del dispositivo.

Per concludere non esiste un miglior prezzo in assoluto per un hard disk, tutto dipende dalle performance che si vorranno raggiungere. Più saranno alte e più il costo risulterà alto. I prezzi riportati in precedenza è bene sottolineare, sono soggetti a fluttuazioni durante il tempo, spesso verso il basso.

Appassionato di scrittura, letteratura ed informatica, attualmente lavora come articolista SEO per vari portali, scrivendo dei più disparati argomenti.

Back to top
menu
harddiskesternieinterni.it